IN-VOLLEY Campioni italiani U19 2004 Campioni italiani U15 2005 Campioni italiani U16 2006
 
FIPAV Qualità 2010/2011 Qualità 2008/2009
Qualità 2010/2011
Diventa Fan su Facebook!
IN Volley su Facebook
Qualità 2012/2013 InVolley viaggia con
Kerviaggi
INVolley sostiene
SOS Villaggi dei Bambini
INTERVISTE

Zoom riduci carattere ingrandisci carattere

L'intervista della Settimana del 20/26 Aprile è dedicata a: Stefano GAY allenatore dell'Under 14 e Under 12 ('98)


 

1)      Età e Professione:
35 professione?devo ancora capirlo
 
2)      Un tuo pregio e un tuo difetto:
Pregio…mi circondo di belle persone…Difetto…sono totalmente lunatico.
 
3)      Perché la Pallavolo?
La pallavolo è arrivata assolutamente per caso; diciamo che non è stato un amore a prima vista, ma con gli anni ho imparato ad amarla. Ma il mio amore incondizionato lo rivolgo allo sport di squadra. Mentirei a dire che non mi sarebbe piaciuto fare l’allenatore di basket o di calcio.
 
4)      Sei fidanzato e/o sposato con…?
Da sette mesi con l’amore della mia vita: Annalisa
 
5)      La tua donna ideale?
Penso di non avere una idea precisa di donna ideale…nella mia vita ho avuto fidanzate assolutamente diversissime le une dalle altre sia esteticamente che caratterialmente…in ognuna ho sempre trovato qualcosa di particolare di cui infatuarmi; Su una cosa non transigo però: ho bisogno di essere accompagnato da una donna di carattere, che non si faccia mettere i piedi in testa da nessuno,nemmeno dal sottoscritto.
  
6)      Sogno pallavolistico di quest’anno?
Passiamo alla prossima domanda
 
7)      Da chi o che cosa hai imparato di più nella tua carriera?
Da ognuna delle persone con cui ho allenato…sia fosse stato il primo allenatore o il mio direttore tecnico. Mi sento riconoscente nei confronti di molte persone…ma ad un allenatore devo molto: Sergio Welters…nel corso degli anni abbiamo intrapreso strade molto diverse…e probabilmente ora abbiamo due filosofie pallavolistiche differenti…ma la passione che gli bruciava negli occhi allenando io non l’ho dimenticata e per quello che mi è stato possibile l’ho fatta mia.
  
8)      Ti piace allenare per l’ InVolley?
Come non potrei amare l’InVolley. Perché?L’ho vista nascere, crescere e diventare grande. Avrei avuto la possibilità in questi anni di approdare ad altri lidi, ma l’In Volley è casa mia e penso di avere contribuito in questi anni al raggiungimento di risultati che non hanno pari in provincia e regione.
InVolley ormai trascende dalla classica idea di Società… InVolley vuol dire altro ed è tradizione e cultura…e questo permette a tutti noi di muoverci nel nostro operato senza alcuni vincoli che limitano pesantemente invece le altre Società.
 
9)      Hai avuto tanti secondi allenatori, come ti sei trovato?
Si diversi..e ho avuto la fortuna di poter sempre scegliere la persona con cui collaborare..allenatori in erba, spesso e volentieri ragazzi che per la prima volta approcciavano la pallavolo. Tutti accomunati però da entusiasmo e voglia di fare. E a parte Alessio B. che negli anni ha scelto suo malgrado un’altra strada..tutti ancora allenano e si stanno togliendo grandi soddisfazioni sportive..cito ad esempio Fede che non meno di due settimane fa ha vinto il suo primo torneo da primo allenatore con il 97..squadra che ha avuto il merito di costruire da solo negli ultimi due anni. Penso di aver trasmesso molto a loro, ma di aver al contempo ricevuto tanto..ogni mia singola vittoria è il frutto di un lavoro di equipe! I miei barbari modi di fare sono sempre stati bilanciati da secondi allenatori attenti ai rapporti con le giocatrici e affabili. Christian con il quale collaboro ormai da due anni è di questa pasta!
 
10) A parte i centimetri, cosa vorresti che avesse in più la tua squadra?
In questo momento sto allenando due squadre..diversissime tra di loro.
Il 98 è una squadra ancora indefinibile..è una squadra con un buon potenziale ma faccio fatica a inquadrarla ancora correttamente..nei prossimi mesi mi aspetto dalle ragazze comunque la stessa voglia di fare e abnegazione che hanno avuto finora.  
Il 95 è un discorso a parte..squadra nata in ritardo rispetto alle altre formazioni In Volley, è l’unica squadra In Volley a non aver vinto il titolo provinciale under 12 da quando esiste questo campionato..secondo posto dietro a un super Alpignano..ma capace in seguito di non sbagliare più un colpo: 8 tornei regionali ed interregionali due campionati provinciali, un campionato regionale e un titolo nazionale uisp. Una partenza ad handicap seguita da un ruolino di marcia da fare invidia a chiunque. Questo è indice di valori tecnici ma soprattutto morali molto alti.
 
11) Cosa chiedere a loro?
Mi piacerebbe che non scordassero mai cosa ci ha portato fin qui..sudore, fatica, arrabbiature,tenacia e una costante e crescente consapevolezza nei propri mezzi. Quindi si mi piacerebbe avessero più memoria.
 
12) Un complimento che ti ha fatto molto piacere?E una critica che ti ha fatto crescere?
Diciamo che i complimenti sono sempre ben accetti, ma non ricordo un complimento particolare..diciamo però che fa la differenza da chi ti arriva il complimento…e ci sono alcune persone che hanno su di me questo effetto. La critica pallavolistica più pungente mi è arrivata da Giorgio, che per questo ringrazio..cosa?Sono fatti nostri, ma è stata utile.
 
13) Che cosa è difficile in InVolley?
Le aspettative..quando ti fai la bocca buona diventa difficile accontentarsi..e qualsiasi cosa ottieni sembra non bastare mai..ma è anche lo stimolo in più a mettersi sempre in discussione.
 
14) C’è qualcosa nel modo di pensare nelle nostre atlete che vorresti cambiasse per il bene        dell’InVolley?
L’idea molto superficiale di essere le più forti in senso assoluto..il motivo per cui ad un certo momento rischi di non vincere più o le titolari pensano di essere intoccabili e di avere diritto al posto fisso.
Nei risultati positivi ottenuti dall’In Volley poche squadre possono dire di avere avuto la atlete più prestanti in circolazione..la differenza l’ha sempre fatta la programmazione, il lavoro e l’abnegazione delle giocatrici. Due settimane fa al torneo di Alba il 95 ha vinto con tre squadre fisicamente e atleticamente in termini assoluti più forti..ma ripeto ha vinto!
Questo vorrà dire qualcosa…ed è bene che le giocatrici se lo ricordino!
 
15) Sei d’accordo che in InVolley il più grosso problema di base nelle tematiche tecniche sia la qualità del reclutamento? Se si, come ripenseresti l’organizzazione del minivolley per migliorare questo aspetto?
Si, non c’è dubbio..mentirei spudoratamente se dicessi che non mi farebbe piacere allenare giocatrici più alte e prestanti. LA CASA DEL VOLLEY è la risposta alla seconda domanda..un luogo fisico ma anche metaforico nel quale il bimbo/a decide di trascorrere gran parte del proprio tempo libero( non sto solo parlando di allenamenti e tornei)  e le famiglie possano recepire come luogo sano, sicuro ed educativo.
 
16) Secondo te, c’è qualcosa in cui i genitori delle tue atlete a volte sbagliano? 
Dovessi rispondere da cattivo direi che hanno sbagliato a non iscrivere le proprie figlie a nuoto o a tennis ( due sport individuali), ma so anche che il loro probabilmente è un atteggiamento umano, molto di parte ma entro certi limiti comprensibile. A parte tutto ai genitori io devo molto. La loro passione per questo sport fa si che le mie pretese nei confronti delle ragazze siano sempre molto alte. 
           
17) Qual è, secondo te, l’aspetto più difficile del ruolo di allenatore?
La comunicazione..la cosa che fa la differenza! A parità di conoscenze sportive è il comunicatore che riesce a trasmettere più sapere alle ragazze. Inoltre un buon tecnico deve essere capace di provocare e pungolare le proprie atlete per ottenere da loro continue risposte in campo..E in questo penso di cavarmela abbastanza bene..spero non ci siano troppe giocatrici che mi odino.
 
18) La squadra che vorresti allenare?
Le sto allenando
 
19) Come te la cavi nelle faccende di casa?
Ottimo cuoco..sul resto sono un disastro..anche per questo adoro mia moglie!
 
20) A parte rigarti la macchina nuova, qual è il peggior dispetto che potrebbero farti?
Avere del cioccolato in casa e non sapere dove tua moglie l’ha nascosto.
 
21) Che cosa ti rimproverano sempre?
Che fumo troppo
 
22) L’ultimo libro che hai letto?
“Ad occhi chiusi” di Carofiglio
 
23) Quale è la giocatrice più forte che hai allenato?
Cosa s’intende per forte!? Dal mio punto di vista la forza sta nella zucca..e da questa prospettiva ho avuto la fortuna di incrociare tante ragazze brave. Nomi non ne faccio.
 
24)Come prepari un allenamento e una partita importante?
Le solite cose: video ed allenamenti specifici…ed il giorno prima di una partita importante mi piace giocare. Presento sempre inoltre gli avversari più forti di quello che in realtà siano..
 
25) Come smaltisci una sconfitta?
Non dormo per due o tre giorni, poi ad un certo punto incomincia a crescermi dentro la rabbia che mi porta a parlare da solo… “basta Ste, basta piangersi addosso, adesso tira fuori le cosiddette!”
 
26) Il tuo talismano?
Da dove incomincio? Miliardi di cose e di atteggiamenti propiziatori…ne cito uno per tutti: gli occhiali da sole disegnati in fronte
 
27) Cosa vedi nel tuo futuro pallavolistico immediato e non?
Vivo anno per anno…mi aggiorno continuamente con la mia coscienza e le mie motivazioni…cosa faccio il prossimo anno? Perché, allenerò ancora!?
 
28) Un allenatore affermato che ammiri particolarmente?
Non volendo citare nessuno dell’In Volley per evitare che qualcuno si offenda dico Paolo Cerutti di Vercelli
 
29) Cosa faresti se ti facessero dirigere la serie A1 di Chieri?
Il Club Italia 2
 
30) Una cosa fatta da una tua atleta che ti ha fatto particolarmente arrabbiare. .
Nulla di particolare…ma non sopporto tanto le giocatrici “pettegole”…
 
31) Che cosa manca a livello dirigenziale nell’InVolley?
Nonostante i dirigenti d’In Volley abbiano grandissimi meriti e negli anni abbiano messo in campo passione e professionalità…a gratis…mi sembra che ultimamente abbiano perso un po’ di capacità di programmazione.
 
32) In una ipotetica classifica degli allenatori di InVolley in che posizione ti metteresti per sex appeal?E per bravura?
Non faccio classifiche..non sono in grado
 
33) C’è qualcosa che hai fatto od ottenuto nella tua vita che ti rende particolarmente orgoglioso?
Devo ancora farlo, ma ho le idee chiare e spero di esserci vicino! Che cosa? Sono molto scaramantico non parlo. Chi vivrà, saprà!
 
 
GRAZIE STEFANO!!!

 

 

 

L'intervista della Settimana del 20/26 Aprile è dedicata a: Stefano GAY allenatore dell'Under 14 e Under 12 ('98)
La Seconda Intervista della settimana del 12 Marzo è dedicata a: Roberta TONON, ala/opposto dell'Under 14A
La Prima Intervista della settimana del 9 Marzo è dedicata a: Alice OSSOLA ala dell'Under 13A
La Seconda Intervista della settimana del 4 Marzo è dedicata a: Gloria NOGAROTTO ala dell'Under 14A
La Prima Intervista della settimana del 2 Marzo è dedicata a: Giulia TAGLIAFERRO opposta/ala della Serie C
L'intervista della Settimana del 23/29 Febbraio è dedicata a: Vincenzo RONDINELLI allenatore della Serie B1 dell'Asti Volley
La Seconda Intervista della Settimana del 18 Febbraio è dedicata a: Stefania DURANDO centrale della Serie D e Under 16
La Prima Intervista della Settimana del 16 Febbraio è dedicata a: Giulia TORCHIO palleggiatrice della Serie C e Under 18
L'intervista della Settimana del 9/15 Febbraio è dedicata a: Federico TRINCHERO responsabile Progetto Minivolley e allenatore dell'Under 12
L'intervista della Settimana del 2/8 Febbraio è dedicata a : Roberto MOSCHINI allenatore dell' Under 18B - Prima Divisione Arancione
Sponsor
Accordi
Accordo IN-Volley/AstiVolleyAccordo IN-Volley/AstiVolley
Accordo IN-Volley/Chieri 76Accordo IN-Volley/Chieri 76

Link utili

 
IN-VOLLEY  

© 2007-2022 A.S.D. IN-VOLLEY
© copyright - Tutti i marchi sono dei legittimi proprietari
© vietata la riproduzione anche parziale senza consenso scritto
Condizioni d'uso - Privacy
C.F.: 90002130012

 

 

credits

  sitemap  

   
tested with
IE7 Firefox opera Google Chrome
made with CSS CSS Valido! Valid HTML 4.01 Transitional